venerdì 4 aprile 2008

POST 07 - LA DISCIPLINA SUL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI

PER INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE RICHIESTI DAL 08/10/2005 IN FASE PRELIMINARE AL RILASCIO DEL TITOLO E’ NECESSARIO VERIFICARE E QUINDI ALLEGARE ALL’ISTANZA DI PERMESSO O DIA LA VERIFICA SUL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI IN CONFORMITA’ AL DLGS 192/2005. (c.d. relazione tecnica ex allegato E L. 192/2005 ).

PER INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE RICHIESTI DAL 08/10/2005 E FINE LAVORI SUCCESSIVA AL 02/02/2007 AI SENSI DELL’ART. 6 DEL DLGS 192/2005 COSì COME MODIFICATO DAL DLGS 311/2006 LA STESSA FINE LAVORI DA COMUNICARE AL COMUNE DOVRA’ CONTENERE L’ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA CHE IN CONFORMITA’ ALL’ART. 8 DOVRA’ ESSERE ASSEVERATA DAL DIRETTORE DEI LAVORI. LA MANCANZA DELL’ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA RENDE INEFFICACE LA DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI.

CON L’ENTRATA IN VIGORE DELLA L.R. 22/2007 E DEL REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TUTTI GLI INTERVENTI DI NUOVA COSTRUZIONE AL TERMINE DELLA COSTRUZIONE DOVRANNO ESSERE DOTATI DI ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA REDATTA SECONDO LE ISTRUZIONI DEL REGOLAMENTO REGIONALE. PERTANTO, DALLA DATA DEL 13/12/2007 PER TUTTE LE NUOVE COSTRUZIONI E’ NECESSARIO CHE L’EDIFICIO ABBIA L’ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA REDATTO DA UN TECNICO NON INTERESSATO ALLA COSTRUZIONE DELL’IMMOBILE E APPARTENENTE ALL’ALBO REGIONALE DI TECNICI ABILITATI.
INOLTRE AI SENSI DELL'’ART. 15 DEL REGOLAMENTO REGIONALE DI ATTUAZIONE OGNI QUALVOLTA VENGA REDATTO UN ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA E' ONERE DEL PROFESSIONISTA INVIARNE COPIA AL COMUNE OVE E' UBICATO L'EDIFICIO, ANCHE NEL CASO IN CUI L'IMMOBILE NON SIA STATO OGGETTO DI INTERVENTO EDILIZIO ALCUNO.
IN CONFORMITA’ ALL’ART. 31 DELLA L.R. 22/2007 ED ALL’ART. 16 DEL REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE IL COMUNE AFFIDANDOSI AD ARPAL CONTROLLA IL 5% DELLE CERTIFICAZIONI PERVENUTE ED EFFETTUATE.
DAL 02/02/2007 PER TUTTE LE NUOVE COSTRUZIONI E’ OBBLIGATORIO INSTALLARE IMPIANTI DA FONTI RINNOVABILI DIMENSIONATI PER COPRIRE IL 50% DEL FABBISOGNO ANNUO DI ENERGIA PRIMARIA RICHIESTA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA ( LIMITE RIDOTTO AL 20% NEI CENTRI STORICI )
"FORZA E ONORE"

3 commenti:

  1. Mi fa piacere che qualcuno si interessi a queste cose ... ma le DIA dell'art. 11 della legge regionale 22/07 sono già operanti per tutte le tipologie di opere e operette in esse previste? Se si, sono operanti a partire dal regolamento regionale di attuazione dell'art. 29?
    bOH... aggiungo che per le nuove costruzioni serve anche la relazione di verifica del tecnico art. 27 comma 3.
    sono stata appena fregata: ma per chi ha l'SGA chi è l'RGA?

    RispondiElimina
  2. L'art. 11 della L.R. 22/2007 è operativo per le opere in esso ricomprese cosi' come è operativo anche l'art. 12 dalla data del 13/12/2007.
    in merito alla verifica del tecnico ex art. 27 comma 3 aggiungerei che è OBBLIGATORIO nelle nuove costruzioni installare impianti da fonti rinnovabili dimensionati per coprire il 50% del fabbisogno annuo di energia primaria richiesto per la produzione di acqua calda sanitaria ( limite ridotto al 20% nei centri storici ).
    Sulle sigle SGA-RGA getto la spugna. Ma Sonic sicuramente saprà rispondere.

    RispondiElimina
  3. Ok, grazie. Pensavo bisognasse aspettare regolamento regionale specifico cui le cose devono essere essere CONFORMI (come dice l'articolo, ma forse fa comodo intendere così).
    Comunque Responsabile Gestione Ambientale e Sistema Gestione Ambientale. Hai presente EMAS?
    Nel frattempo, tuttavia, ho risolto. Non faccio niente finché non approvano il bilancio e poi vediamo come fare con le consulenze assegnate.
    "La spiegazione più semplice è quasi sempre che qualcuno si è sbagliato" - Dr. Gregory House

    RispondiElimina