domenica 6 dicembre 2015

CILA e verifiche successive . Una questione di metodo



Come previsto dalla normativa regionale abbiamo effettuato il sorteggio delle pratiche e abbiamo comunicato l'apertura del procedimento di verifica agli intestatari delle CILA estratte.
Oggi, i tecnici istruttori,  stanno approntando le verifiche:

  • Controllo formale sulla completezza dei dati ;
  • Controllo sostanziale sulla correttezza dei dati, dichiarati nel modello ;
  • Controllo di merito sulle opere oggetto di comunicazione; 

Da qui le prime domande su cosa riteniamo necessario o semplicemente opportuno venga fatto , soprattutto e preliminarmente , per garantire  verifiche non soggettive, con necessità di  omogeneizzazione  e standardizzazione delle stesse anche attraverso la  predisposizione di una scheda di sintesi riepilogativa e speditiva.

Poi, a seguire, le molteplici e possibili casistiche che , come immaginabile si attendono variegate e foriere di sicuri problemi :


  • Incompletezza o inidoneità formale dei dati principali (  indirizzi, nominativi, etc ) ; 
  • necessità di ulteriori precisazioni e/o dichiarazioni non invece allegate o richiamate nella CILA ;
  • non corretta individuazione della tipologia di intervento ;
  • dichiarazioni inesatte ;
  • incompletezza DURC  o inidoneità emergente a lavori terminati ;
e molto altro.

a presto
a.c.

Nessun commento:

Posta un commento