mercoledì 27 gennaio 2016

sintesi 22 Gennaio



Carissimi,
Innanzitutto rinnovati Auguri per un sereno e proficuo 2016.
Ciò detto, passiamo alla breve, ma doverosa e positiva sintesi dell’incontro del 22 scorso, presenti: Santo Stefano Magra, Bolano, Ortonovo, Ameglia, Arcola.
In primis la CUC.
Tutti hanno convenuto sulla necessità di approfondire, a maggior dettaglio, non solo l’impalcatura giuridico – amministrativa della convenzione che dovrebbe regolare i rapporti ex art. 30 TUEL tra le amministrazioni partecipanti, ma la struttura su cui poggia o dovrebbe poggiare la stessa CUC.

Struttura che deve caratterizzarsi per sufficienza ed idoneità delle persone dedicate, idoneità di luogo e risorse economiche, autonomia e trasversalità funzionale (esempio non poco significativo il rapporto con le stazioni appaltanti delle amministrazioni comunali aderenti, ovvero rapporto con i RUP dei singoli procedimenti, ovvero ruolo di impulso e coordinamento che la CUC dovrebbe assumere incardinandosi anche nella fase di formazione degli atti di programmazione previsti dalla legge).

Tutti hanno ulteriormente condiviso di procedere con ordine e metodo. Quale esempio, sintetizzando per schemi gli adempimenti posti in capo alla CUC ingenerati da procedere di appalto tipo che possono essere declinate dagli appalti accesi negli anni appena trascorsi.  Ciò ulteriormente  schematizzando , in “diagrammi di flusso “ , chi fa cosa ,  e verificando se esiste riscontro  chiaro e  bidirezionale nello schema di convenzione prodotto da ANCI.

Ultimo rilievo, o affermazione di principio che ha trovato tutti i presenti condividenti , la non adesione  alla scorretta “declinazione“ derivata: CUC = Responsabile CUC = Responsabile tecnico (preferibilmente LL.PP.)

La CUC è funzione amministrativa e nell’ambito amministrativo devono essere disegnate/localizzate le strutture, le responsabilità e le risorse.


Altro punto centrale e trasversale: Il nuovo Piano Casa della Regione Liguria

I presenti hanno condiviso la necessità / opportunità di approfondire le implicazioni che l’applicazione del Piano Casa, come da ultimo prodotto dalla Regione Liguria, può ingenerare. Ciò in vista del: potere /dovere previsto dall’articolo 12 della Legge r. 22/2015 ......
I presenti hanno assunto impegno ( vale per il gruppo ) , di approfondire il tema nell’incontro  già previsto in autoconvocazione del 5 Febbraio p.v., ospiti di Federico presso strutture opificio ex Ceramica Vaccari.
Per quella data dovremmo aver valutato meglio la portata della Legge potendo altresì indicare gli eventuali correttivi come ritenuto.

A seguire sono stati affrontati  ulteriori e sempre attuali temi:
·         Vincolo idrogeologico;
·         “Regole di ingaggio” in emergenza e rapporto con maestranze operaie: regolamento reperibilità;
·         Problematiche Lr. 13/2014 e autorizzazioni paesaggistiche;
·         Varianti al PRG, ovvero PUC secondo la lr. 36/97 modificata;

a presto
a.c.




Nessun commento:

Posta un commento